EMBARGO PER IL RILASCIO FINO A 4 PM ET, aprile 09, 2001

St. Paul, Minn. – I colpi di influenza sono sicuri per la maggior parte dei pazienti con sclerosi multipla (SM) e prevengono le infezioni che possono innescare o peggiorare i sintomi della SM, secondo uno studio nel numero del 10 aprile 2001 di Neurology, la rivista scientifica dell’American Academy of Neurology.”Questo è contrario alla credenza popolare”, ha detto il neurologo e autore dello studio Neville Moriabadi, MD, dell’Università Julius Maximilians di Würzburg, in Germania. “Molti pazienti con SM e i loro medici temono che il vaccino stesso causi una fiammata nei loro sintomi, ma è molto improbabile.”Lo studio ha esaminato 12 pazienti con SM e 28 volontari sani prima e per quattro mesi dopo aver avuto colpi di influenza. Nessuno dei pazienti affetti da SM ha avuto alcun peggioramento dei sintomi o altri effetti indesiderati subito dopo la vaccinazione.Entrambi i gruppi hanno mostrato una risposta positiva al vaccino, con un aumento degli anticorpi per combattere il virus dell’influenza A preso di mira dal vaccino. Ed entrambi i gruppi non hanno mostrato alcun cambiamento nelle cellule T reattive contro le proteine della mielina, considerate come fattori che causano malattie nella SM. Al contrario, queste cellule T sono aumentate in sei pazienti e quattro volontari che hanno sviluppato infezioni respiratorie durante il periodo di follow-up di quattro mesi.Un paziente ha avuto una ricaduta nei sintomi dopo un’infezione respiratoria. I sintomi della SM per gli altri pazienti sono rimasti stabili nel periodo di quattro mesi.Dei 12 pazienti che hanno preso parte allo studio, sette avevano la forma recidivante-remittente della malattia, dove gli attacchi sono seguiti da periodi di recupero parziale o totale, e cinque avevano la forma secondaria-progressiva della malattia, che peggiora costantemente.”Il vaccino antinfluenzale è raccomandato per i pazienti con SM con la forma recidivante-remittente o secondaria-progressiva della malattia che hanno riacutizzazioni o peggioramenti subito dopo le infezioni”, ha detto Moriabadi. “E’ sicuro, in quanto non provoca esacerbazioni di sintomi o risposte autoreattive, e può prevenire le infezioni influenzali che potrebbero innescare un attacco. I pazienti con altre forme della malattia o con alta attività della malattia dovrebbero parlare con il proprio medico se vaccinare.”La SM comporta un’infiammazione all’interno del sistema nervoso centrale, seguita dalla perdita della mielina che protegge le fibre nervose e successivamente dalla perdita di alcune delle fibre nervose stesse. Quando la mielina è danneggiata, gli impulsi nervosi non vengono trasmessi correttamente. Come risultato del processo di infiammazione, lesioni o placche, si sviluppano nel cervello e nel midollo spinale, causando una varietà di sintomi neurologici, come perdita della vista, intorpidimento o formicolio e debolezza.

L’American Academy of Neurology è la più grande associazione mondiale di neurologi e professionisti delle neuroscienze, con 36.000 membri. L’AAN è dedicato a promuovere la cura neurologica centrata sul paziente più di alta qualità. Un neurologo è un medico con una formazione specializzata nella diagnosi, nel trattamento e nella gestione dei disturbi del cervello e del sistema nervoso come il morbo di Alzheimer, l’ictus, l’emicrania, la sclerosi multipla, la commozione cerebrale, il morbo di Parkinson e l’epilessia.

Per ulteriori informazioni sulla American Academy of Neurology, visitare AAN.com o trovarci su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram e YouTube.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.